possibilità-1140x456

LE OPPORTUNITÀ DI SCEGLIERE

La probabilità che un qualcosa avvenga è strettamente legata all’atto di osservazione che diventa coerente con ciò che prevediamo di vedere”.

La luce è un’onda o una particella? Attraverso questo dualismo, pilastro della fisica quantistica, noi assimiliamo come il modo in cui percepiamo la realtà trasforma l’oggetto della nostra osservazione che a sua volta provoca l’immediata trasformazione del risultato finale.

L’immagine di sé deriva dalle esperienze vissute? Questo condiziona il modo di essere e di agire?

Davide Cuccato_1

Esempio calzante è il film “Sliding Doors” che affronta la tematica della scelta, da che parte andare? Una splendida Gwyneth Paltrow truffata dal suo vero Io, vive due vite parallele, il semplice fatto di salire o meno in metropolitana condizionerà le sue future scelte.

Ecco perché quando scegliamo un possibile risultato, tutte le altre possibilità diventano incoerenti di fronte a ciò che vediamo e le auto-escludiamo; partendo dal nostro punto di osservazione determiniamo ciò che si verificherà.

Ciò su cui ci focalizziamo è ciò che appare: “Forse penserai che se non avessi comprato l’auto nuova, non noteresti le altre auto rosse. La verità è che senza la tua attenzione le auto rosse non sarebbero là”.

Possiamo scegliere di cambiare ciò che osserviamo, e facendolo cambiamo ciò che accade perché è l’atto stesso di osservare, di focalizzarsi che crea il risultato.

Non possiamo esimerci da ciò che ci accade, perché il primo passo per cambiare la nostra vita è di accettare che la scelta di ciò che osserviamo è una nostra responsabilità.

Leave a Reply